Trompe l'Oeil
Laboratorio di restauro e conservazione
chi siamo
Restauro affreschi e dipinti murali
restauro manufatto ligneo
restauro lapideo stucchi laterizi
pareti artistiche
decorazione e restauro facciate storiche
trompe l'oeil
restauro soffitti
restauro varie arti
conservazione opere d'arte
restauro beni culturali
conservazione opere d'arte

Trompe l'Oeil Torino

Il trompe l’oeil è una particolare tecnica pittorica. Ha un’origine antica anche se non si sa con precisione quando si sia sviluppata, ma già nell’antica Grecia si possono notare i primi accenni. Trompe l’oeil è una parola francese che significa “ingannare l’occhio”. Si tratta di un modo di dipingere che riproduce la realtà basato sull’uso della prospettiva e del chiaroscuro. Chi esegue un trompe l’oeil vuole creare ambiguità tra il piano dell’osservatore e quello pittorico facendo si che ciò che in realtà e bidimensionale venga percepito come tridimensionale.

Sostanzialmente i trompe l’oeil sono affreschi o dipinti usati per creare illusioni di spazi che non esistono e vengono spesso usati per decorare o ampliare visivamente degli ambienti chiusi e dare la sensazione di spazi più grandi o confinanti con altri.

Per realizzare un trompe l’oeil Torino è necessaria una grande abilità nel disegno (uso di ombre e luci, colore e sfumature) e un’ ottima conoscenza delle regole prospettiche. E’ fondamentale lo studio del punto di vista dell’osservatore rispetto al dipinto, tenedo conto anche delle reali sorgenti luminose presenti nell’ambiente e della loro direzione così, una volta finito, il trompe l’oeil sembrerà illuminato da quelle luci. Per creare una buona illusione prospettica, il punto di fuga del dipinto dovrà essere collocato in corrispondenza del punto di vista di chi guarda.

Il trompe l’oeil è una forma d’arte che è sempre stata molto apprezzata in Italia e molti sono stati gli artisti che hanno utilizzato questa tecnica pittorica a partire da Giotto per arrivare poi a a grandi maestri come Masaccio e Brunelleschi che portarono il trompe l’oeil a livelli di estremo realismo.

Nell’Ottocento questa tecnica inziò ad avere anche una funzione architettonica reale. Si eseguivano trompe l’oeil per nobilitare un edificio, per sostituire materiali altamente decorativi, simulando ad esempio gli elementi più classici, come dei finti rivestimenti sugli angoli, stucchi o addiritura delle finte statue in una nicchia. Ma anche all’interno dell’edificio stesso possiamo trovare trompe l’oeil realizzati per simulare delle vetrate o addiritura stanze intere. Se ne trovano molti esempi nelle ville d’epoca rinascimentali.

Ovviamente se vogliamo avere un trompe l’oeil Torino il più realistico possibile, bisogna che l’oggetto che vogliamo riprodurre sia a dimensione naturale.

Un’ evoluzione moderna del trompe l’oeil inteso come illusione ottica sono i disegni realizzati sui pavimenti stradali con gessetti colorati,  usando una proiezione chiamata “anamorfosi” che crea un’illusione 3D quando viene vista da una determinata angolazione.


    © 2011 Mimesi - P.IVA 05512480012   info Home      |      Contatti      |      Realizzato da WebAdv